Poffabro: il presepe tra natura e tradizioni

Passeggio tra le stradine di questo borgo che è uno dei più belli d’Italia. Mi trovo a 30 km a nord di Pordenone ai piedi delle Dolomiti Friulane.

Poffabro in comune di Frisanco, è un luogo da visitare e scoprire a piedi. Bellissimo perdersi e immergersi nella sua atmosfera, rimasta come quella di un tempo lontano. Il silenzio delle sue piccole stradine amplifica la bellezza dei suoi scorci in legno e pietra arenaria.

Mi sembra di passeggiare in un presepe. Il borgo infatti è stato costruito nel rispetto della vecchia archittetura del luogo. Qui non c’è spazio. Le case quindi sono alte e strette, molto simili a com’erano cinque secoli fa.

Tra poche settimane è Natale e i presepi entreranno nel presepe. Proprio così. Il silenzio caratteristico di questo borgo lascerà spazio a voci e presenze che verranno ad ammirare i tanti presepi allestiti in ogni angolo del paese. Opere realizzate soprattutto da non poffabrini, perché è più facile che angoli nuovi ed  interessanti  vengano scovati da chi non vive qui ogni giorno, perché vede il paese con occhi diversi.  Gli stessi occhi con i quali sto vedendo e fotografando io oggi “Prafabrorum”,  il Prato dei Fabbri.

Piccole corti,  ballatoi in legno e angoli nascosti. Qui tutto  racconta di storia e tradizioni ancora oggi vive e presenti.

Come ad esempio quella degli scarpeti.

Le famose pantofoline in velluto lavorate a mano, vere e proprie perle dell’artigianato locale.

Borgo circondato da un ambiente ricco di bellezze naturali e fauna, che offre anche varie opportunità agli amanti dell’escursionismo. Ci troviamo praticamente alle porte del Parco naturale delle Dolomiti friulane e qui è presente anche un centro visite.

Il gruppo del monte Raut ad esempio è luogo ricco di flora anche molto rara. Ma fate attenzione… come documentato da alcune carte di un processo per inquisizione del 1648, si racconta che di notte dietro queste montagne,  spesso si radunavano alcune streghe per incontrare il diavolo. Che ci crediate o no,  secondo me fiori e paesaggio si vedono meglio con la luce del sole…

E dopo una bella passeggiata tra storia cultura e tradizioni, una buona pitina -Presidio Slow Food del Friuli Venezia Giulia- con un po’ di polenta e del buon vino è proprio ciò che ci vuole. Il modo migliore per per assaporare e vivere  un territorio nel vero senso della parola.

 

 

 

Inserisci i tuoi dati

INFORMATIVA art. 13 del Regolamento UE n. 679/2016 (RGDP)
Ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE n. 679/2016 (RGDP) la informiamo che tutti i dati personali da lei forniti in sede di compilazione del modulo, sono raccolti e gestiti con strumenti informatici per le finalità strettamente connesse ed indispensabili al progetto Social Ambassador Friuli Venezia Giulia. I suoi dati non verranno comunicati a terzi né saranno diffusi. I suoi dati potranno essere conosciuti solo da soggetti specificatamente incaricati al trattamento. Il Titolare del trattamento è PROMOTURISMOFVG con sede in Trieste, via Locchi 19, a cui Lei potrà rivolgersi per far valere i suoi diritti così come è previsto dagli artt. 15 e ss. del Regolamento UE n. 679/2016 (RGDP).

annulla

Seleziona le tue preferenze

Scegli fra le categorie che più ti interessano per rimanere sempre aggiornato.

annulla

I dati inseriti non sono corretti

Grazie per esserti registrato!

Controlla la tua email. Riceverai le credenziali di accesso al blog.

© PromoTurismoFVG – Sede legale: via Locchi, 19 - 34123 Trieste. Sede operativa: Villa Chiozza, via Carso 3 - 33052 Cervignano del Friuli (UD) - info@promoturismo.fvg.it PEC: promoturismo.fvg@certregione.fvg.it numero verde 800 016 044 / +39 0431 387130 - Centralino uffici Villa Chiozza tel. +39 0431 387111 - fax +39 0431 387199 - P.I. IT01218220323 - C.F. 01218220323