Castelli Aperti: alla scoperta della Brunelde di Fagagna

Impossibile non notarla scendendo dal colle del Castello di Fagagna (UD) in direzione nord. Una bellissima casa immersa nel verde domina la scena. È la Brunelde, chiamata anche Casa Forte. Edificio con una storia millenaria, dimora della nobile famiglia d’Arcano Grattoni, che tutt’oggi vive qui, e che sorge in un luogo conosciuto e frequentato fin dall’epoca dei romani. Da qui infatti passava l’antica via del sale, che collegava Concordia Sagittaria a Salisburgo.

Ci troviamo all’inizio della bellissima SP 83 dei quattro venti. Una zona che amo molto perché tranquilla e lontana dal traffico, ideale quindi per delle passeggiate o giri in bicicletta. Resto sempre colpito dalla bellezza di questa casa ogni volta che passo di qui, e anche se ormai avrò decine di foto, continuo a fotografarla. Mi son sempre chiesto come fosse al suo interno, e quindi non mi sono lasciato scappare l’occasione giusta per visitarla, ovvero Castelli Aperti.

Per me è stato come fare un viaggio nel tempo. Accompagnato dai padroni di casa Maurizio e Cristina, Conti d’Arcano Grattoni, ho potuto finalmente ammirare i meravigliosi interni della casa, ricchi di storia e cultura. È stato molto affascinante ascoltare i racconti di famiglia direttamente dai discendenti dei protagonisti. Vicende che si perdono nei secoli, dal tempo dei longobardi ai giorni nostri. Storie di fantasmi e decapitazioni, a metà strada tra leggenda e storia.

Gli interni sono molto curati e ricchi di mobilio e oggetti di ogni epoca. Dalla cucina al soggiorno, all’angolo della musica, (con alcuni antichi strumenti come un flauto ed un violino), alla fantastica libreria con volumi molto datati e preziosi. Preso dall’entusiasmo, mi metto a fotografare qualsiasi cosa, suscitando la curiosità del piccolo padrone di casa, che accompagna i genitori e che mi guarda perplesso, come a volermi dire: “Ma cosa ci trovi di bello a fotografare casa mia?”

Al piano terra una volta si trovava un locale adibito a prigione. Infatti i proprietari del feudo avevano anche il compito di occuparsi della giustizia per i signori dell’epoca, con facoltà di eseguire pene corporali fino alla morte, che poteva avvenire per impiccagione, decapitazione o nei casi più gravi squartamento.

Esistono aneddoti riguardanti alcuni reperti storici, risalenti ad oltre duemila anni fa e ai tempi delle crociate. Come ad esempio, un frammento della croce sulla quale morì Gesù. Un pezzo di lino sporco di sangue, comparso in un’ostia che Maurizio d’Arcano spezzò nel 1758. A seguito dell’episodio, convinto che si trattasse di un messaggio del Signore, l’antenato di famiglia rimase talmente colpito che intraprese gli studi per diventare sacerdote, nonostante fino ad allora avesse avuto una vita tutt’altro che monastica. Entrambi i reperti sono conservati gelosamente nella cappella di famiglia dedicata a San Niccolò. La piccola chiesetta fa parte dello storico edificio e al suo interno vi riposano molti componenti della nobile famiglia.

La casa è ben protetta dal fantasma di Marco. Fu ucciso dai veneziani perché si oppose all’occupazione della Serenissima e venne decapitato. Si dice che si aggiri per la casa con la testa sotto il braccio, pronto a difendere la Brunelde e la sua famiglia. Io ci credo e non voglio avere le prove, quindi eviterò passeggiate al chiaro di luna da queste parti…

Insomma qui si respirano storia, cultura e leggenda e allo stesso tempo aria di vita quotidiana. Ogni angolo della casa è vivo perché tutt’ora abitato dalla famiglia d’Arcano Grattoni. Maurizio e Cristina saranno felici di raccontarvi la loro storia e quella della loro Brunelde. L’occasione giusta può essere la prossima edizione di Castelli Aperti.

Buon viaggio nel tempo.

Inserisci i tuoi dati

INFORMATIVA art. 13 del Regolamento UE n. 679/2016 (RGDP)
Ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE n. 679/2016 (RGDP) la informiamo che tutti i dati personali da lei forniti in sede di compilazione del modulo, sono raccolti e gestiti con strumenti informatici per le finalità strettamente connesse ed indispensabili al progetto Social Ambassador Friuli Venezia Giulia. I suoi dati non verranno comunicati a terzi né saranno diffusi. I suoi dati potranno essere conosciuti solo da soggetti specificatamente incaricati al trattamento. Il Titolare del trattamento è PROMOTURISMOFVG con sede in Trieste, via Locchi 19, a cui Lei potrà rivolgersi per far valere i suoi diritti così come è previsto dagli artt. 15 e ss. del Regolamento UE n. 679/2016 (RGDP).

annulla

Seleziona le tue preferenze

Scegli fra le categorie che più ti interessano per rimanere sempre aggiornato.

annulla

I dati inseriti non sono corretti

Grazie per esserti registrato!

Controlla la tua email. Riceverai le credenziali di accesso al blog.

© PromoTurismoFVG – Sede legale: via Locchi, 19 - 34123 Trieste. Sede operativa: Villa Chiozza, via Carso 3 - 33052 Cervignano del Friuli (UD) - info@promoturismo.fvg.it PEC: promoturismo.fvg@certregione.fvg.it numero verde 800 016 044 / +39 0431 387130 - Centralino uffici Villa Chiozza tel. +39 0431 387111 - fax +39 0431 387199 - P.I. IT01218220323 - C.F. 01218220323