Pasqua sul Lussari, un bianco spettacolo

Da tanto i miei familiari desideravano vedere il Monte Santo, ammaliati dalle fotografie che circolano e più ancora dalla pubblicità di una nota automobile che ha proposto proprio il paesello delle favole come sfondo e quindi quale scelta migliore di una Pasqua sul Lussari (Tarvisio)? C’è ancora la neve, le temperature non proprio primaverili mi convincono a prenotare per pranzo proprio lassù in un caratteristico locale.

Prendiamo la cabinovia a Camporosso e già dopo i primi metri di risalita ti rendi conto della maestosità della Pista di Prampero, eden degli sciatori per bellezza e adrenalinica pendenza, quante volte mi son lanciata con gli sci, di tutti i luoghi in cui ho sciato questa è decisamente una delle piste più belle che ho provato.

Stai per arrivare in cima e con il naso appiccicato al vetro della cabinovia ti ritrovi idealmente incollato al vetro di una pasticceria a Natale, sì lo spettacolo è un panettone bianco, di quelli con le casette di marzapane sopra, lo zucchero al velo, quintali di panna e non riesci a trattenerti dallo staccare una casetta e mangiarla di nascosto.

Poi quando ti dirigi al paese inizia la favola, la chiesetta svetta dominando il minuscolo borgo che è un susseguirsi di rifugi e localini per il ristoro dei turisti e un negozio di souvenir.

I devoti sono alla Messa; eh già perchè in primo luogo è una meta religiosa in particolar modo d’estate, quando molti giungono a piedi lungo il “Sentiero del Pellegrino”.

La leggenda vuole che il pastorello trovasse la statuetta della Madonna sul monte e la consegnasse al parroco a valle ma ogni giorno la statuetta tornava proprio là, in cima al monte ove fu eretta la prima chiesetta in suo onore e iniziarono gli sconfinati pellegrinaggi, la Madonnina dei Tre Confini infonde pace, gioia e fiducia da secoli.

Uno sguardo al panorama mozzafiato delle Alpi Giulie innevate, un aperitivo rigorosamente con vino “Friulano, anche gli amici a quattro zampe sembrano essere in estasi sulla neve con i numerosi nuovi incontri che possono fare, così Holly rincorre Whisky che gioca con Patty… e i padroni sorridono felici di non doverli lasciare a casa.

Poi il pranzo, ogni locale ha varie proposte di Menù tipicamente di montagna, io opto per il Goulash, che se non trova le sue origini in Friuli Venezia Giulia, come molti altri piatti delle tradizioni dei confini ha trovato largo seguito nella nostra cucina.

E alla fine il vero dilemma Grappa alle Fragoline di Bosco o Grappa ai Mirtilli?

Questo articolo è disponibile in: English Deutsch

Inserisci i tuoi dati

INFORMATIVA art. 13 del Regolamento UE n. 679/2016 (RGDP)
Ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE n. 679/2016 (RGDP) la informiamo che tutti i dati personali da lei forniti in sede di compilazione del modulo, sono raccolti e gestiti con strumenti informatici per le finalità strettamente connesse ed indispensabili al progetto Social Ambassador Friuli Venezia Giulia. I suoi dati non verranno comunicati a terzi né saranno diffusi. I suoi dati potranno essere conosciuti solo da soggetti specificatamente incaricati al trattamento. Il Titolare del trattamento è PROMOTURISMOFVG con sede in Trieste, via Locchi 19, a cui Lei potrà rivolgersi per far valere i suoi diritti così come è previsto dagli artt. 15 e ss. del Regolamento UE n. 679/2016 (RGDP).

annulla

Seleziona le tue preferenze

Scegli fra le categorie che più ti interessano per rimanere sempre aggiornato.

annulla

I dati inseriti non sono corretti

Grazie per esserti registrato!

Controlla la tua email. Riceverai le credenziali di accesso al blog.

© PromoTurismoFVG – Sede legale: via Locchi, 19 - 34123 Trieste. Sede operativa: Villa Chiozza, via Carso 3 - 33052 Cervignano del Friuli (UD) - info@promoturismo.fvg.it PEC: promoturismo.fvg@certregione.fvg.it numero verde 800 016 044 / +39 0431 387130 - Centralino uffici Villa Chiozza tel. +39 0431 387111 - fax +39 0431 387199 - P.I. IT01218220323 - C.F. 01218220323