In moto tra Friuli e Veneto: vallate e colori

Il meteo promette bene, le temperature sono ancora accettabili e un sabato si decide assieme all’amico Alex di fare un giro in moto. Si parte a tarda mattinata dirigendosi verso Maniago e il lago di Barcis, sembra di entrare in una nuvola ma, appena oltrepassiamo la prima galleria, ad accoglierci troviamo degli inaspettati raggi di sole che scaldano le mani e asciugano l’asfalto umido della notte. Percorriamo tutta la val Cellina, costeggiando la famosa diga del Vajont per poi scendere verso Longarone e imboccare la val Zoldana, una strada bellissima caratterizzata da un susseguirsi continuo di curve.

Poco prima di raggiungere la località di Forno di Zoldo imbocchiamo a destra la strada che porta al Passo Cibiana, questa è un tappeto di foglie colorate ormai cadute che col passaggio della moto riprendono vita volteggiando dietro di noi. Dopo alcuni chilometri di curve ci fermiamo a pranzare in una trattoria molto accogliente il cui interno è tutto rivestito da legno, la fortuna ci accompagna e troviamo libero un tavolo proprio vicino al caratteristico fogolâr, il focolare tradizionale. Ristorati e sgranchiti riprendiamo la moto e proseguiamo oltrepassando la forcella a quota 1.530 m slm e ridiscendiamo verso la Valle di Cadore. Da qui si prosegue su strada provinciale dirigendoci verso nord per imboccare la strada che porta al passo della Mauria e ridiscendere in un interminabile susseguirsi di curve verso Tolmezzo passando per i paesi di Forni di Sopra, Ampezzo e Villa Santina. Giunti a Tolmezzo si può prendere l’autostrada per rientrare a Udine più velocemente oppure si consiglia proseguire per la provinciale e passare a visitare i paesi di Venzone, Borgo dei Borghi 2017, e Gemona del Friuli. L’itinerario descritto risulta essere di 270 km.

Una variante che si consiglia è quella che interessa l’ultimo tratto, sulla strada per il passo della Mauria, al paese di Pelos di Cadore si imbocca la stradina a sinistra e si percorre tutta la vallata che con leggera pendenza iniziale conduce a Sella Ciampigotto e poi a Sella di Razzo, da dove è possibile osservare l’incantevole panorama sulla Maina. Successivamente si attraverseranno i paesi di Sauris con l’omonimo lago. A seguire la strada ci riporterà al paese di Ampezzo dove sarà possibile riprendere l’itinerario già sopra descritto.

Questo articolo è disponibile in: English Deutsch

Inserisci i tuoi dati

INFORMATIVA art. 13 D.lgs 196/03 “Codice in materia di protezione dei dati personali”.
Ai sensi dell’art. 13 del d.lgs 196/2003 “Codice in materia di protezione dati personali”, la informiamo i dati personali e il suo indirizzo mail, fornito in sede di compilazione del modulo, sono raccolti e gestiti con strumenti informatici per le finalità strettamente connesse ed indispensabili aal progetto Social Ambassador Friuli Venezia Giulia. I suoi dati non verranno comunicati a terzi né saranno diffusi. I Suoi dati potranno essere conosciuti solo da soggetti specificatamente incaricati al trattamento. Il Titolare del trattamento è PROMOTURISMOFVG con sede in Trieste, via Locchi 19, a cui Lei potrà rivolgersi per far valere i suoi diritti così come è previsto dall’art. 7 del d.lgs. 196/2003.

annulla

Seleziona le tue preferenze

Scegli fra le categorie che più ti interessano per rimanere sempre aggiornato.

annulla

I dati inseriti non sono corretti

Grazie per esserti registrato!

Controlla la tua email. Riceverai le credenziali di accesso al blog.

© PromoTurismoFVG – Sede legale: via Locchi, 19 - 34123 Trieste. Sede operativa: Villa Chiozza, via Carso 3 - 33052 Cervignano del Friuli (UD) - info@promoturismo.fvg.it PEC: promoturismo.fvg@certregione.fvg.it numero verde 800 016 044 / +39 0431 387130 - Centralino uffici Villa Chiozza tel. +39 0431 387111 - fax +39 0431 387199 - P.I. IT01218220323 - C.F. 01218220323