Il Teatro Comunale Giuseppe Verdi di Pordenone

I teatri, tutti, piccoli o grandi che siano, sono scatole magiche a cui spesso passiamo accanto considerandoli edifici del nostro quotidiano, in attesa che si animino, abitati dall’atmosfera che li pervade quando si abbassano le luci della città  e si accendono quelle delle insegne dello spettacolo.  Di essi conosciamo i rituali: l’acquisto dei biglietti, le chiacchiere nel foyer, ed il coinvolgimento che proviamo durante le rappresentazioni.

Il teatro, in realtà, è un complesso fermento di vite ed emozioni che non si fermano a chiusura del sipario; anzi, la sua magia silenziosa ed operosa, scorre in tanta parte fra corridoi misteriosi, preclusi agli occhi dei più, ma pronti ad offrirsi a chi voglia sbirciare al loro interno, fino a diventare “casa” per alcuni.

In un’ottica di fruibilità, arricchimento e scambio di conoscenza, il Teatro Comunale Giuseppe Verdi di Pordenone ha scelto di aprire le sue porte all’originalità, ospitando artisti di altissimo livello, il cui spessore non è automaticamente coniugato al clamore della popolarità, ma che senz’altro vale la pena incontrare.

 Approfittando di uno spiraglio, intrufolandomi idealmente dalla porta sul retro, il teatro mi ha accolto come una vecchia amica, regalandomi uno sguardo sui suoi progetti da un inusuale punto di vista. Ho  potuto così entrare in quella che, durante al mese di agosto, è stata la “casa estiva” di una delle principali orchestre di giovani talenti, la Gustav Mahler Jugendorchester. Probabilmente li avete visti, questi ragazzi, attraversare il centro di Pordenone portando sulla spalla i loro strumenti: li avete sicuramente ascoltati durante le passeggiate sotto le stelle, mentre, distribuiti in piccole sezioni, hanno allietato la serata del 22 agosto. A vederli giocare a frisbee, durante una delle pause dalle prove, o mentre chiacchierano con semplicità, in inglese, con le persone che chiedono  delle loro attività, non si riesce ad immaginare che siano la più alta espressione artistica under ventisette a livello internazionale. Basta invece ascoltare la loro musica nell’atmosfera ovattata della platea ancora in attesa di pubblico, per rimanere affascinati dai virtuosismi e dalla loro profonda comunicatività. Espressione di un progetto artistico nato dal Maestro Claudio Abbado, portano ora avanti un percorso artistico che pare quasi una filosofia di vita, in cui si suona assieme poiché si sceglie, si vuole, e mai si deve.

Oltre a questo entusiasmante inizio, i prossimi mesi, la stagione offrirà un denso calendario dedicato alla passione ed alla cultura, espresse attraverso una ricca alternanza di prosa, musica sinfonica e collaborazioni con altre realtà, sempre con un occhio attento al sociale, alle donne ed anche alla formazione, con spettacoli adatti ad un pubblico di tutte le età. Segno che, quando l’arte cerca dimora, il teatro è sempre pronto a divenire un nido da cui far spiccare il volo alle emozioni

Inserisci i tuoi dati

INFORMATIVA art. 13 D.lgs 196/03 “Codice in materia di protezione dei dati personali”.
Ai sensi dell’art. 13 del d.lgs 196/2003 “Codice in materia di protezione dati personali”, la informiamo i dati personali e il suo indirizzo mail, fornito in sede di compilazione del modulo, sono raccolti e gestiti con strumenti informatici per le finalità strettamente connesse ed indispensabili aal progetto Social Ambassador Friuli Venezia Giulia. I suoi dati non verranno comunicati a terzi né saranno diffusi. I Suoi dati potranno essere conosciuti solo da soggetti specificatamente incaricati al trattamento. Il Titolare del trattamento è PROMOTURISMOFVG con sede in Trieste, via Locchi 19, a cui Lei potrà rivolgersi per far valere i suoi diritti così come è previsto dall’art. 7 del d.lgs. 196/2003.

annulla

Seleziona le tue preferenze

Scegli fra le categorie che più ti interessano per rimanere sempre aggiornato.

annulla

I dati inseriti non sono corretti

Grazie per esserti registrato!

Controlla la tua email. Riceverai le credenziali di accesso al blog.

© PromoTurismoFVG – Sede legale: via Locchi, 19 - 34123 Trieste. Sede operativa: Villa Chiozza, via Carso 3 - 33052 Cervignano del Friuli (UD) - info@promoturismo.fvg.it PEC: promoturismo.fvg@certregione.fvg.it numero verde 800 016 044 / +39 0431 387130 - Centralino uffici Villa Chiozza tel. +39 0431 387111 - fax +39 0431 387199 - P.I. IT01218220323 - C.F. 01218220323