Top 5 castelli

Storia, miti e leggende accompagnano i meravigliosi castelli presenti nella nostra regione. In questo breve articolo vi presentiamo alcuni tra i manieri più celebri, mete imperdibili di una visita indimenticabile in Friuli Venezia Giulia.

1.Castello di Miramare

Il Castello di Miramare è la perla bianca che domina il golfo di Trieste da un promontorio roccioso, maestoso e incantevole. La sua bellezza e il suo fascino derivano anche dalla sua storia: costruito tra il 1856 e il 1860 per volere dell’arciduca Massimiliano d’Austria, e utilizzato come residenza  dallo stesso e di sua moglie Carlotta del Belgio.

Oggi gli ambienti sono visitabili secondo un percorso prestabilito che si snoda dal pianoterra al primo piano del Castello di Miramare: si possono ammirare i sontuosi arredi originali delle sale di rappresentanza, degli appartamenti privati, ricchi di opere d’arte, mobili e oggetti preziosi.

Castello di Miramare – Trieste

Il castello è formato da oltre 20 stanze: di particolare pregio sono le “Sale di Massimiliano”, fra le quali la camera da letto, arredata come una cabina di nave, e la “Sala del trono”.

GRATIS con FVGCard

2.Castello di Villalta

Uno dei castelli più affascinanti della regione, il fortilizio di Villalta vanta un’antica storia ed è immerso in uno scenario naturale di estrema bellezza. Pur risalente ai secoli X-XI, fu più volte distrutto e ricostruito a causa delle battaglie tra i contendenti, che ne bramavano la posizione strategicamente importante.

Nonostante questo, il castello non ha perso la configurazione fortificata iniziale, con l’alta torre e i ponti levatoi, che regala immediatamente ai visitatori uno spaccato di ciò che era, e rende ancora più verosimili le leggende che da sempre aleggiano sul castello.

Castello di Villalta

3.Castello di Duino 

La leggenda narra di una Dama Bianca che fu gettata dal malvagio marito dalle mura di un antico castello. Il cielo ebbe pietà di lei e le diede un corpo di roccia prima che si infrangesse sugli scogli. Si dice che la sua anima sia ancora là, in una rupe a picco sulla baia, presso i resti dell’antico maniero di Duino, e che certe notti prenda vita e vaghi senza pace.

Castello di Duino

Osservando il Castello di Duino, arroccato su uno sperone carsico a picco sul mare, con un panorama mozzafiato su tutto il golfo di Trieste, non si stenta a credere che la Dama Bianca esista davvero. Niente paura però, perché la bellezza dell’edificio è accresciuta da un’atmosfera calda e gioiosa resa possibile dalla presenza dei proprietari, i componenti della nobile famiglia dei principi della Torre e Tasso (Thurn und Taxis). Il castello è comunque aperto ai visitatori.

4.Castello di Arcano Superiore

Ancora oggi il Castello di Arcano, costruito nel XII secolo in un sito magnificamente isolato, conserva intatto il suo suggestivo aspetto medievale: le cortine merlate alla guelfa, la caratteristica doppia torre e il possente mastio con, in sommità, un’elegante fila di bifore tardo romaniche. Per non parlare degli interni, adornati e affrescati da Andrea Urbani, con varie sale che presentano camini e portali realizzati da Raffaello de’ Raffaelli.

Castello di Arcano

Curiosamente, il castello fu scenario di un misterioso fatto occorso nel XVII secolo, che vide Francesco d’Arcano uccidere per gelosia a pugnalate la moglie, che fu ritrovata murata agli inizi del XX secolo durante dei lavori di restauro. Un fatto che rende l’edificio ancora più intriso di storico fascino. Si può prenotare una visita al castello tramite l’ufficio visite del Consorzio per la Salvaguardia dei Castelli Storici del Friuli Venezia Giulia.

5.Castello di Valvasone 

Con ogni probabilità il castello di Valvasone sorge su una costruzione difensiva tardo-romanica e viene citato per la prima volta in documenti risalenti al 1206. Da allora non ha subìto grandi cambiamenti strutturali, e lo si può ammirare nella sua grandezza originale, caratterizzata da una pianta circolare, con un pozzo ospitato nel cortile interno.

Castello di Valvasone

Un grande porta d’accesso che sostituisce l’antico ponte levatoio permette l’ingresso al castello, che conserva sale affrescate con stucchi, la cappella domestica e la cucina con il grande focolare. Vale una visita anche solo per ammirare il teatrino settecentesco, unico e singolare; la si può prenotare contattando l’Associazione A Spasso per il Borgo c/o Ufficio IAT, oppure ci si può presentare in occasione di eventi speciali.

Inserisci i tuoi dati

INFORMATIVA art. 13 D.lgs 196/03 “Codice in materia di protezione dei dati personali”.
Ai sensi dell’art. 13 del d.lgs 196/2003 “Codice in materia di protezione dati personali”, la informiamo i dati personali e il suo indirizzo mail, fornito in sede di compilazione del modulo, sono raccolti e gestiti con strumenti informatici per le finalità strettamente connesse ed indispensabili aal progetto Social Ambassador Friuli Venezia Giulia. I suoi dati non verranno comunicati a terzi né saranno diffusi. I Suoi dati potranno essere conosciuti solo da soggetti specificatamente incaricati al trattamento. Il Titolare del trattamento è PROMOTURISMOFVG con sede in Trieste, via Locchi 19, a cui Lei potrà rivolgersi per far valere i suoi diritti così come è previsto dall’art. 7 del d.lgs. 196/2003.

annulla

Seleziona le tue preferenze

Scegli fra le categorie che più ti interessano per rimanere sempre aggiornato.

annulla

I dati inseriti non sono corretti

Grazie per esserti registrato!

Controlla la tua email. Riceverai le credenziali di accesso al blog.

© PromoTurismoFVG – Sede legale: via Locchi, 19 - 34123 Trieste. Sede operativa: Villa Chiozza, via Carso 3 - 33052 Cervignano del Friuli (UD) - info@promoturismo.fvg.it PEC: promoturismo.fvg@certregione.fvg.it numero verde 800 016 044 / +39 0431 387130 - Centralino uffici Villa Chiozza tel. +39 0431 387111 - fax +39 0431 387199 - P.I. IT01218220323 - C.F. 01218220323